Causale di un Bonifico Bancario

Causale di un bonifico bancario: importanza di tale elemento

Elemento importantissimo per un pagamento è la causale di un bonifico bancario. Oltre ai dati quali nome e cognome del beneficiario, iban e importo, il quarto elemento necessario per poter emettere un bonifico è la causale, ossia la motivazione per la quale si sta effettuando questa transazione di denaro. La causale di pagamento va infatti obbligatoriamente indicata sia sulle distinte cartacee in ottica di un bonifico bancario allo sportello, sia in ottica di un bonifico online. Tale dato è importante in quanto corrisponde alla motivazione per la quale noi stiamo effettuando questo pagamento. Questo dato è importante per moltissime ragioni che ora analizzeremo.

Innanzitutto è un dato richiesto dalla normativa Italiana, infatti in caso di controlli fiscali il primo passo che effettueranno gli organi di controllo preposti sarà analizzare i pagamenti che avrete effettuato negli anni, e ovviamente saranno interessati a sapere del perchè avete effettuato quel tale bonifico in quella tale situazione. Dovrete quindi essere chiari nell’indicare la motivazione!

Inoltre la causale permetterà a chi riceve il pagamento di identificare il vostro pagamento, cosa molto importante ad esempio nel pagamento di una fattura o nell’ordine di un prodotto via internet! Per tale motivo è quindi buona norma indicare ad esempio il numero d’ordine o la fattura che si sta pagando, oppure indicare il numero della rata dell’auto o del mutuo. Tutto ciò vi tornerà utile anche a voi, infatti potrebbe capitare che avrete la necessità di risalire ad un pagamento fatto in passato, e una causale di un bonifico bancario scritta in maniera chiara e univoca potrebbe facilitarvi la ricerca!

Come scrivere correttamente quindi la causale di un bonifico bancario? E’ bene scriverla indicando tutto ciò che reputiamo necessario, senza abbreviazioni o frasi incomplete, onde chiarire la ragione del pagamento. In tal senso è opportuno sapere che in molte Banche esistono tabelle delle causali di pagamento più comuni, tra cui potremo scegliere quella che più si avvicina al nostro caso.

E’ importante altresì sapere che un bonifico di importo “importante”, può essere segnalato in virtù della normativa antiriciclaggio; per tale motivo dovviamo prestare molta attenzione nello scrivere la causale, in quanto potrebbe venirci in soccorso in caso di richieste di chiarimenti in virtù di un controllo fiscale.

Infine riportiamo un elenco di causali utilizzate di frequente:

  • “Acquisto online”, in caso di acquisto da privati o aziende effettuato su internet;
  • “rimborso spese”, utilizzato in genere per rimborsare le spese sostenute da un amico o familiare per conto nostro;
  • ristrutturazione edilizia“, causale che ci permette di usufruire di determinate agevolazioni fiscali per i pagamenti effettuati per ristrutturazioni o efficientamento energetico dei nostri immobili;